And the winner is…GATTO MINERVA!!!!!!!

C’è un gatto tutto nero, sdraiato sul tavolo della cucina. E’ nerissimo, lucido, ma ha le zampettine bianche, come se avesse le Stan Smith, le scarpette dell’adidas….E’ da dieci giorni che nulla lo turba, nulla lo tange, beatamente gatto Minerva sonnecchia con un occhio aperto e uno chiuso e controlla la situazione…il cane T4itù, lo stuzzica, gatta Musci sta là … Continua a leggere

Sul coito e sulla masturbazione…replay

Non scrivo mai al computer,ma adesso che è acceso lo uso,ascolto i r.e.m e non è il caso di cercare penna.calamaio e foglio.Il rapporto con la penna è un rapporto passionale,sanguigno,prettamen te maschile,la afferri,la usi,fai di lei quello che vuoi e,quando hai finito di scrivere la posi in un qualunque posto,non importa.E’ un rapporto solitario,una masturbazione decisa e violenta,per sfogare … Continua a leggere

SMS post ore 00:26

Se c’è qualcosa che non ti va, dillo alla luna, può darsi che porti fortuna… Anch’io l’ho detto alla luna, affacciato a un balcone, ieri sera, una sera in cui a Milano il cielo era pieno di stelle. Non capita spesso.Mi convincevo che quei tre corpi vibranti di luce fossero i pianeti allineati.E io gliel’ho detto, alla luna. Ho finito … Continua a leggere

Storie di ordinaria follia. INFANZIA VIOLATA

Le estati siciliane sono estati particolari, calde come in nessun altro posto. La calura uccide tutte le possibilità di pensare a un refrigerio. Noi, piccoli teppisti in bicicletta, ce ne fottevamo bellamente e correvamo fino al tramonto, col costumino slip sul sellino di plastica della BMX e il pezzo di cartone rigido attaccato con una molletta da bucato, in modo … Continua a leggere

Ultimo tango.

I passi di un tango, ballato davanti al mare. I miei movimenti sono decisi, coordinati.I tuoi movimenti mi seguono a dovere.Un crocchio di persone è attorno a noi.Guardami in quel modo. Fallo dolcemente.Ti prenderò ancora. Lo farò perdutamente.La rosa in bocca. I miei capelli lucidi.I tuoi capelli sono sciolti.Non sei una tanguera vera, i tuoi capelli affaticano il nostro tango.E … Continua a leggere

Stranezze

C’è qualcosa di strano, c’è qualcosa che non mi convince. Spero sia solo un’impressione sbagliata, io sono il principe delle impressioni sbagliate.Ieri il vento portava alle mie narici un odore particolare, un profumo, un assaggio di cose che ho vissuto e spero siano solo un antipasto.Ma la malinconia è qualcosa di strano, qualcosa che ti lascia pensare che il ghiaccio … Continua a leggere

Sul tema di Bang Bang (My baby shot me down).

Tijuana, 23 marzo 1994. Tutto sudato avevo finalmente trovato un posto dove dormire. Mai sentito tanto caldo come quel pomeriggio. Ma qui era la “Baja California”, come la chiamano i messicani pronti a passare la frontiera con gli USA e andare a fare gli inservienti per un dollaro e cinquanta l’ora.Cinquanta gradi li faceva come niente e con cinquanta dollari … Continua a leggere

In più.

Sopra boulevard Auriot passa la linea sei della metrò. Si, sopra, lassopra. Con una specie di ponte alto circa 20 metri che sovrasta un enorme marciapiede al centro del viale. A Parigi. In diversi punti la metrò sovrasta la strada, non è più un cunicolo sotterraneo. Passa il treno. Sferraglia in un modo pauroso, un rumore assordante che mi permette … Continua a leggere

Non cambia un cazzo.

Poco meno di quattro anni fa mi successe una cosa.Avevo un problema con il mio padrone di casa riguardo il prezzo dell’affitto, nel senso che scaduto il vecchio accordo, dato che nella zona dove abitavo nel frattempo avevano portato l’università, lui aveva intenzione di rincarare del 40 percento. A me non stava più bene e, non so se sapete come … Continua a leggere