Città senza mare.

Non darmi mai per scontato. Non credere che io sia forte. Ma non credere neanche che io sia debole.
Sensibile, si , sensibile. Suona meglio, più elegante.
Elegante come il talento che ti porti in quelle mani che scrivono.
Ma anche più triste.
Come i miei occhi che guardano un mare che non avevano mai visto, i miei occhi che vedono il mare anche in questa città, perfetta nel suo apparire, perfetta nella sua lordura.
I miei occhi che vedono il mare anche in questa città, che mare non  ha. E  mare che, forse, non avrà mai.
E dietro questi occhi tristi c'è un sorriso grande, di denti bianchi e perfetti sempre pronto a prendere in giro il mondo e splendere in giro per il mondo. Ancora incapace, però, di prendere in giro la mia perfezione stilistica ed estetica.
Denti bianchi e perfetti, circondati da labbra carnose, che raramente ridono insieme agli occhi.
Denti bianchi  e perfetti, circondai da labbra carnose,  che ridono insieme agli occhi solo quando vedono quel mare che questa città non ha, e che forse non avrà mai.

Città senza mare.ultima modifica: 2005-05-23T18:53:12+02:00da alexdijesolo
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Città senza mare.

Lascia un commento